• musicista
  • narratrice
  • scrittrice

Mi chiamo Elisabeth. Sono nata a Zwickau, in Sassonia. Anche il compositore Robert Schumann ha vissuto in questa città. Di lui preferisco la musica per ragazzi Album per la gioventù. Sono venuta al mondo nei pressi di uno stagno con cigni. Forse per questo motivo amo molto le fiabe, specialmente quelle dei fratelli Grimm e di Hans Christian Andersen, ma anche le fiabe di tutto il mondo.

Sono cresciuta in un piccolo paese in Sassonia. Quando ero una ragazza di sedici anni mi sono trasferita a Dresda, una bellissima città d´arte, per fare la maturità. Allora ho scritto la mia prima poesia La mia strada.

Ho studiato a Weimar al conservatorio di musica e più tardi teologia all’università di Lipsia. Nel 1977 abbandonai l’allora Repubblica Democratica Tedesca con la mia giovane famiglia per andare nella Germania dell’ovest dove ho studiato pedagogia.

Oggi la mia vita professionale è caratterizzata dalla letteratura, ma anche dalla musica e dalla narrativa. Quando posso innescare una scintilla negli occhi di adulti e bambini durante le letture, suonando musica o raccontando fiabe e storie da tutto il mondo, allora mi sento completamente felice.

Lavoro come

Fin dall´infanzia la musica mi ha accompagnato, soprattutto la musica …
Ho sviluppato un concetto per la formazione musicale di base, in piccoli gruppi …
Ho anche tenuto laboratori settimanali di musica all’asilo protestante di Neuendorf …

La musica non smette mai … (Bertolt Brecht)

Elisabeth Melzer-Geissler al lavoro nella chiesa di Kollmar. FOTO: Dörte Baasch-Teichmann.

Ancora oggi lavoro come insegnante privata di pianoforte e flauto dolce sia a Horst e dintorni che nella Scuola di Musica di Glückstadt [DE].

I concerti dei miei studenti in cui gli stessi possono presentare con gioia ciò che hanno imparato ai loro genitori, amici e ospiti, su scala più o meno grande, sono anche parte integrante del programma di formazione [DE].

A volte integro anche la musica degli studenti più esperti nelle mie manifestazioni.


Con fiabe, musica e storie provenienti da tutto il mondo nei miei bagagli, viaggio regolarmente in tutte le direzioni per la gioia di grandi e piccini.

Lo psicoterapeuta americano Bruno Bettelheim è diventato il mio compagno costante attraverso i suoi libri.

Le fiabe possono incoraggiarci ad affrontare il futuro a volte vago ed aperto, a prendere la vita nelle nostre mani, a realizzare i nostri sogni – nonostante tutto.

I “pomeriggi da favola” dell’ Oederaner Klein-Erzgebirge sono stati descritti come un momento clou dal giornale FREIE PRESSE.
Il giornale KIELER NACHRICHTEN ha commentato così i pomeriggi da favola con musica nel museo all’aperto del Molfsee : Anche la cantastorie Elisabeth Melzer-Geissler ha dimostrato che le cose vecchie sono da conservare. Con lei i bambini erano più tranquilli e concentrati che in qualsiasi altro programma televisivo.

Cercare questo ponte tra il mondo esterno reale e
quello spirituale è lo scopo per me fino ad oggi.


Elisabeth Melzer-Geissler durante i giorni letterari ad Elmshorn in Schleswig-Holstein.

Quando diventiamo creatori culturali accanto a scienza ed economia, quando diamo attivamente spazio alla letteratura, alle belle arti e alla musica, al teatro, alla danza e a tutti gli ambiti artistici nella nostra vita quotidiana, allora diamo insieme valori duraturi per il nostro prossimo.

Noi scrittori condividiamo il desiderio comune di formulare parole e pensieri con chiarezza, ma con le nostre emozioni, i dubbi e le contraddizioni, con la nostra indignazione e il nostro dolore per la realtà, con la gioia del presente e con la speranza per il futuro …

Il mio sforzo come scrittrice è quello di urlare al nostro tempo con Nelly Sachs:

… Non distruggere l´universo delle parole …

Scrivo:

Ricerche attuali:

Al momento faccio ricerche su uno scultore di fama mondiale, Igor Mitoraj (1944-2014) un polacco, nato in Sassonia, nella città di Oederan, dove ho vissuto la mia infanzia. È cresciuto in Polonia, emigrato a Parigi negli anni Sessanta e ha vissuto in Francia e Italia.

Quando nella primavera del 2016 incontrai per caso una donna all’Opera di Lipsia che proveniva da un luogo vicino a dove è sepolto Mitoraj, decisi spontaneamente di partire per l’Italia in cerca di indizi su Igor Mitoraj. Dopo alcune ricerche su Internet rimasi completamente affascinata dal suo lavoro, in particolare dalla mostra in Sicilia, nella Valle dei Templi di Agrigento. Sulla sua biografia c’erano diverse domande senza risposta che non mi lasciavano pace. Alcuni articoli di giornale scritti da un giornalista un po’ inesperto mi meravigliarono. Ho cominciato così subito ad imparare l’italiano per poter destreggiarmi in Italia e nell’aprile del 2016, alla fine della prima settimana del mio soggiorno in Italia, mi sono recata nel luogo preferito di Mitoraj in Toscana, dove era sepolto. Per molto tempo sono stata seduta alla sua tomba, sopra la quale è stata eretta una scultura da lui creata. L’estate seguente ho incontrato collaboratori che avevano lavorato personalmente con Mitoraj nei loro laboratori artigianali per molti anni e che avevano organizzato mostre con lui. Sono andata sulle Alpi Apuane, dove, secondo i suoi amici, aveva selezionato anche i migliori blocchi di marmo per le sue sculture. Un anno dopo ho trascorso un’intera giornata nel parco di Pompei, dove una trentina di sue sculture avevano trovato un ambiente simile a quello di anni prima ad Agrigento. Il paese e la cultura italiana mi affascinano da allora. La mia più grande gioia: ho trovato nuovi amici in questo meraviglioso paese che non mi lascia più andare.

La mia passione è fare ricerche su particolari artisti.

Amo insegnare la musica, organizzare viaggi culturali per piccoli gruppi sulle tracce di musicisti, scrittori e altri artisti. Partecipo con grande gioia a serate letterarie, spesso accompagnate da musica, sia da sola che in gruppo.

Viaggi Letterari

Da molti anni lavoro tra il nord e il sud della Germania come autrice e docente con i miei testi [pubblicazioni] partecipando a conferenze sul modo di leggere e a seminari. Date attuali [DE] | Eventi vari [DE] a volte anche all’estero.

Diverse sono state le partecipazioni alle fiere del libro di Francoforte e Lipsia, nelle case di letteratura di Kiel e Dresda, nella Kleist House di Francoforte sull’ Oder, nel museo Gerhart-Hauptmann a Erkner e in altri forum culturali, biblioteche, librerie, chiese e comunità urbane. La mia partecipazione alla Settimana Ebraica, negli ultimi anni, sotto forma di eventi musicali-letterari nel Mendelssohnhaus e nel Centro Culturale Ebraico Ariowitschhaus della città di Lipsia si è sviluppata in un legame duraturo. Come vincitrice di un concorso di poesia, sono stata invitata a una lettura congiunta in Svizzera e ho potuto presentare una selezione dei miei testi a Prato, in Toscana, durante un viaggio con l’Associazione degli Autori di Amburgo nel 2015.

Ma chi sono?

Sono
Io sono
Non sono
quello che indosso

(Traduzione di Ilenia Faroldi da „Spann dein Vertrauen …“. Fidati …
NOTschriften Verlag 2016)